Versione stampabile

2.2.3 Le relazioni concettuali

Come abbiamo visto, i diversi concetti appartenenti ad uno stesso campo concettuale stabiliscono relazioni concettuali fra loro.
Possiamo suddividere queste relazioni in due grandi categorie: le relazioni logiche e le relazioni ontologiche (classificazione generale proposta da Cabré, 1998:175 e segg.):
a. relazioni logiche: sono relazioni generiche e astratte, fondate sulla somiglianza tra due o più concetti. La relazione logica tipica è quella genere-specie, che unisce un determinato concetto ai suoi diversi tipi, che a loro volta possono essere divisi in sottotipi (Magris et al., 2002:151). Il concetto più ampio è chiamato iperonimo, quello più specifico iponimo, mentre i vari concetti che condividono lo stesso iperonimo vengono chiamati coiponimi. L’iponimo (il concetto “subordinato”) eredita tutte le caratteristiche del suo iperonimo, distinguendosi da esso e dai coiponimi per almeno un tratto distintivo aggiuntivo. Es.: termine: cane, iperonimo: animale, coiponimi: levriero, bassotto, collie…
b. relazioni ontologiche: si tratta di relazioni partitive e concrete, che legano un determinato concetto alle “parti” di cui è costituito. Sono fondate sulla contiguità nello spazio o nel tempo e sulla relazione causa-effetto.
Le principali relazioni ontologiche sono:
- le relazioni parte-tutto, detta meronimia, si stabilisce tra un termine che indica il tutto (l’olonimo) e un termine che indica la parte (il meronimo). Es.: tutto: pelle, parti: epitelio, epidermide, derma, ipodermide.
- le relazioni di equivalenza, ovvero la sinonimia. In realtà, occorre dire che la sinonimia totale è un fenomeno molto raro, in quanto non esistono termini che siano perfettamente sostituibili in ogni contesto d’uso; si dovrà parlare invece di quasi-sinonimi, ovvero di termini dal significato simile ma non perfettamente intercambiabili (per differenze di registro, di connotazione, di collocazioni diverse…).
- le relazioni funzionali: queste relazioni servono ad indicare con precisione la collocazione del concetto all’interno del sistema concettuale (Lerat, 1990 e 1994 in Abrégé de Terminologie multilingue de TERMISTI www.termisti.refer.org). Si veda l’esempio di una scheda scheda di un glossario di TERMISTI fondata sulle relazioni funzionali.



Per citare questo articolo: Veronica Carioni, 2.2.3 Le relazioni concettuali, Breve introduzione alla terminologia, http://www.farum.it/intro_terminologia/ezine_articles.php?id=20